Metro, un futuro solo nei videogiochi?